Il blog di ABCFormazione

Google Search

Il nuovo algoritmo di Google 2019

Algoritmo Google

 

L’algoritmo di Google non finisce mai di stupirci!

 

Che cos’è l’algoritmo di Google?


Partiamo col dire che data l’enorme quantità di informazioni presente sul Web è stato necessario introdurre uno strumento che faccia una selezione delle pagine per restituire all’utente i risultati più utili e pertinenti alla propria query.
È proprio per questo che entrano in gioco i sistemi di ranking di Google costituiti da una serie di algoritmi che prendono in esame diversi fattori. Questa tecnica si basa sul Machine Learning, un apprendimento automatico in cui attraverso una serie di meccanismi una macchina intelligente sarà capace di aumentare via via le proprie conoscenze e prestazioni apprendendo dall’esperienza.

 

Su cosa si baserà il nuovo algoritmo?


Se in passato Google posizionava in alto nel ranking della SERP le versioni più aggiornate e complete, con il nuovo algoritmo di Google Search verranno premiati i contenuti più originali e approfonditi e che quindi forniscono un’informazione che se non divulgata sarebbe rimasta ignota.
Ovviamente ad essere valutata sarà anche l’autorevolezza, a tal proposito la società di Mountain View ha reclutato 10mila operatori esperti in vari settori, che hanno il compito di valutare l’attendibilità delle notizie e addestrare il motore di ricerca a raggiungere gli obiettivi prefissati.
Ad essere valutati saranno:

 

  • qualità
  • attendibilità
  • talento
  • tempo d’impiego

 

Sotto particolare attenzione saranno le pagine YMYL (Your Money or Your Life), ovvero quelle pagine che possono avere effetti su temi sensibili agli utenti come sicurezza, salute e stabilità finanziaria.
Inoltre al fine di ridurre i fenomeni di odio e discriminazione, Google analizzerà anche il lessico, dando più spazio a chi utilizzerà termini considerati politicamente corretti.

 

L’obiettivo di Google è sempre quello di favorire l’utente continuando la lotta contro le fake news. Ma cosa comporta questo cambio di algoritmo? Purtroppo per valutare gli effetti bisognerà avere pazienza e aspettare di scoprirlo di volta in volta.

Questo articolo ti è piaciuto? Non perderti le pubblicazioni successive, iscriviti alla newsletter!