ABCFormazione Corsi di grafica e web a Roma

Il blog di ABCFormazione

I meme sono il futuro della comunicazione Social?

I meme sono il futuro della comunicazione Social?

Il nome "meme" e la corretta pronuncia

Guardate l'immagine qui sopra. Vi dice qualcosa? Se la risposta è sì allora siete dentro la galassia dei "meme", un "fenomeno di internet" che si propaga attraverso la Rete. Si dovrebbe chiamare "Internet Meme" per distinguerlo dalla sua concezione originale. La parola, che deriva dal greco μίμημα, mímēma, "imitazione",  è stata usata per la prima volta nel 1976 da Richard Dawkins nel 1976 nel libro "The Selfish Gene"

Abbiamo una notizia scioccante: si dovrebbe pronunciare "mim". Oggi i meme (al plurale sarebbe più corretto dire "memi") sono in tutti canali sociali. Alla base ci sono due elementi fondamentali: le idee e l'umorismo. 

 


Cosa sono 

I meme sono solitamente immagini ma possono diffondersi anche sotto firma di "gif", una immagine animata. Tra gli esempi più comuni di meme: 

  • Le "rage faces", le immagini con il "faccione" che piange, ride o suda. Il più famoso è quello conoscoiuto come "forever" alone
  • Il "grumpy cat" per testimoniare fastidio 
  • "Condescending Wonka" per esprimere sarcasmo 
  • il "philosoraptor" che comunica perplessità
  • "Kermit the frog" per mettere in evidenza la propria indefferenza davanti a fenomeni di costume
  • Messi con l'espressione perplessa 
  • Immagini delle città italiane con scritte basate su stereotipi e cattiverie

Ci sono poi espressioni di un linguaggio tipico dei meme come "può accompagnare solo" riferendosi ad azioni assurde ma "ignoranti" e "anticonformiste", "Quando pensi di... invece", una determinata azione di un uomo ridicolizzata con un'omofaba chiosa "lo fanno perchè al loro ragazzo piace così". 


Un meme si diffonde, spesso in modo "virale", grazie alla sua semplicità. Come nell'esempio sopra con l'immagine di Di Caprio che brinda, si tratta di un'immagine con due semplici scritte, si solito in bianco e in maiuscolo. L'Italia ha visto svilupparsi questo fenomeno in modo repentino e sembra non arrestarsi. Pagine come "Tua madre è leggenda" contano  più di un milione e mezzo di fan e hanno addirittura lanciato prodotti brandizzati. 



Come nascono e perchè hanno successo

Alle origini del meme alcuni di voi ricorderanno il "me gusta" meme. Parte della suddetta categoria "rage comics" appare per la prima volta nel 2008 su 4chan. Lo sviluppo e la proliferazione dei meme va di pari passo con la diffusione del social networking, dell'internet mobile e degli strumenti automatici per crearne, come "meme generator". I meme nascono per fare delle battute di spirito ma ultimamente se ne sta interessando anche la politica usando il sarcasmo contro l'avversario come arma per raccogliere consensi. 

Molte pagine si basano su questo genere di immagini perchè è facile ottenere engagement, il coinvolgimento e le interazioni degli utenti. Spesso cercano la polemica tramite "flame" tra utenti, ad esempio su base geografica. Non è raro imbattersi in meme che fanno ironia su Napoli o su Genova basandosi su stereotipi da bar. Questo però genera una grande quantità di commentie i gestori delle pagine ne sono contenti. 

Per approfondimenti potete andare qui sull'Internet Meme Database

Questo articolo ti è piaciuto? Non perderti le pubblicazioni successive, iscriviti alla newsletter!

  • meme
  • , comunicazione
  • , social
  • , immagini
  • , viral
  • , social network