ABCFormazione Corsi di grafica e web a Roma

Il blog di ABCFormazione

Il futuro dei Social Network

Il futuro dei Social Network

Il 21 febbraio 2016 Mark Zuckerberg passeggia in mezzo a una platea di persone. Ma non lo vedono. Indossano tutti gli "Oculus Rift", il visore per la VR (realtà virtuale) al costo "più basso di sempre" (708 Euro). Pay off del prodotto e del Social Networking di lì in avanti: "Insieme è meglio". 


Facebook ha scritto il passato e detta il presente e il futuro del Social Networking
e, di conseguenza, di buona parte del Web. Qualche numero per capire chi comanda: con i suoi 1,9 miliardi di utenti il "gigante blu" può sommare gli 1,2 miliardi di Messenger, i 600 milioni di Instagram e il miliardo di Whatsapp. Il totale:  è WOW. 

Tutti i Social hanno capito che leggere un testo richiede molta attenzione, una merce assai rara nella fruizione del Web. L'immagine e il video sono immediati, semplici, comprensibili anche oltre la barriera linguistica. Per conferma chiedere a Twitter, il social della scrittura per eccellenza, in crisi da tempo. 


Secondo Cisco nel 2017 il 69% del traffico web sarà costituito da video.
Secondo Nielsen il 64% dei marketers ritiene dominerà le loro strategia nell’immediato futuro. I numeri di Youtube sono impressionanti. Le analisi demoscopiche mostrano che solo le fasce di età più alte continuano a essere fedeli al “medium” Tv. La tv esiste, resiste e funziona. Ma sta cambiando il panorama in cui opera. I giovani spezzettano il loro tempo televisivo essenzialmente “on demand”, scegliendo il luogo e il tempo della propria fruizione. Un esempio? Netflix. 


 Il  CEO di Apple Tim Cook ha detto che “presto avremo esperienze di AR ogni giorno, e sarà come mangiare un pasto tre volte al giorno. Diventerà parte di noi”. Uno studio condotto da eMarketer, dimostra come il 72% degli addetti marketing abbia programmato di investire principalmente in YouTube il budget di digital advertising del prossimo anno. Contro il 46% che preferisce indirizzare l’investimento su Facebook. Se qualcuno si sta chiedendo perchè si può rispondere da solo: è più semplice guardare un video o leggere un testo?


Facebook ha integrato la VR rendendola parte della sua stessa essenza. 

 

Alcune indiscrezioni su brevetti e sviluppi di funzioni tv per i social possono essere viste qui. Mandare in diretta quello che si sta vedendo con un semplice clic dal proprio dispositivo mobile non è un’azione senza conseguenze. Significa dover creare delle regole legali certe per gli eventi a pagamento (si pensi a quelli sportivi o musicali dove il copyright e i diritti televisivi comandano) e dare a tutti uno strumento di cronaca.

Questo articolo ti è piaciuto? Non perderti le pubblicazioni successive, iscriviti alla newsletter!

  • Il futuro dei Social Network