ABCFormazione Corsi di grafica e web a Roma

Il blog di ABCFormazione

Facebook a caccia di teenager: sta per acquistare To Be Honest

Facebook a caccia di teenager: sta per acquistare To Be Honest

Ragazze e ragazzi con smartphone

Facebook a caccia dei giovanissimi

Dopo l'acquisto di Instagram, il lancio delle Stories anche sulla propria piattaforma e l'introduzione di circa 60 nuove emoji, Facebook continua a inseguire la fascia di mercato che sembrerebbe più redditizia quando parliamo di social network: i giovanissimi, tutti quei raggazzi e quelle ragazze ancora minorenni che trascorrono on line gran parte del loro tempo libero (e non) e che, soprttutto, stanno scappando dalla casa digitale di Mark Zuckerberg. Secondo eMarketer infatti la porzione di iscritti a Facebook dai 12 ai 17 anni diminuirà del 3,4% nell'anno corrente.

Ragazzino con smartphone

Un nuovo trend: i sondaggi

Facebook allora sta correndo ai ripari e pensa di acquistare TBH (To Be Honest), un'applicazione che percorre il tragitto che l'esplosione estiva di Sarahah ha fatto apparire più redditizio che mai. Sarahah infatti, sebbene sia stato un fuoco di paglia - il più classico dei tormentoni estivi in stile gioco dei Pokemon e Macarena - ha fatto intuire come dietro la possibilità di dare pareri su persone, amici e conoscenti si possa celare un interessantissimo business. In realtà, già da anni è molto usato tra i giovanissimi il "social" Ask.me, una sorta di riproposizione digitale e anonima dei corridoi di una scuola, ma come al solito, quando Facebook scende in campo e mette mano al portafoglio, c'è da star sicuri che si accresceranno tutte le potenzialità ancora inespresse di un trend. Non è quindi un caso se da qualche giorno nelle Stories di Instagram sono stati inseriti i sondaggi (non anonimi).

Ragazzi e ragazze con smartphone e tablet in classe

To Be Honest: l'app contro i cyberbulli

I sondaggi sono infatti il cardine del funzionamento di TBH - quindi nel caso in cui la mossa di Facebook dovesse avere successo, negli uffici di Twitter, che aveva lanciato una funzionalità simile l'anno scorso, saranno in tanti a mangiarsi le mani. Tuttavia, si tratta di sondaggi "edulcorati" rispetto a quelli di Sarahah e di Ask.me: i quesiti posti possono solo essere "positivi", come ad esempio "Chi è il più simpatico tra X e Y?", "Chi organizza le feste più divertenti tra Z e X?". TBH infatti, che punta a una grandissima diffusione nelle scuole, si vuole proporre come "app anti cyberbullismo", andando anche in questo caso a seguire un modello di social network che Facebook porta avanti sin dalla sua nascita: uno "luogo" di internet in cui non c'è spazio per identità multiple, troll, fake news e cyberbulli.

Una cosa è certa, se ancora non padroneggiate i sondaggi forse è il caso di correre ai ripari.

Questo articolo ti è piaciuto? Non perderti le pubblicazioni successive, iscriviti alla newsletter!

  • Facebook
  • , To Be Honest
  • , TBO
  • , social network
  • , cyberbullismo