ABCFormazione Corsi di grafica e web a Roma

Il blog di ABCFormazione

Il marchio più famoso al mondo

Il marchio più famoso al mondo

Cosa è lo Swoosh? Lo Swoosh è uno dei marchi più conosciuti del pianeta. E’ talmente forte ed efficace che ormai l’azienda che lo usa non ha più nemmeno la necessità di associarvi il proprio nome.

Di chi stiamo parlando? Ma ovviamente della Nike!

Il simbolo della Nike (si pronuncia “Naiki”) è stato da una giovane graphic designer che si chiama Carolyn Davidson nel 1971. All’epoca questo progetto, che oggi ha un valore inestimabile, è stato pagato pochi spiccioli, si parla di circa 35 dollari!

Girano voci che molti anni dopo, quando la Nike è diventata l’azienda che tutti conosciamo oggi, regalò alla ormai adulta Carolyn, un anello con il simbolo della Nike composto da diamanti e un numero interessante di azioni dell’azienda, come segno della propria gratitudine.

Ci sono tante ipotesi su cosa significhi realmente lo Swoosh. C’è chi dice che è la forma della “V” come simbolo della “vittoria” ma in realtà si fa riferimento alla Nike di Samotracia che, data la sua posizione particolare, suggerisce un senso di velocità e proprio da qui, nasce l’ispirazione del simbolo della Nike.

Per quanto riguarda il significato legato al senso di “vittoria” citato precedentemente, dobbiamo cercarlo, non tanto nel simbolo della Nike quanto nel nome stesso. E’ proprio il naming del brand che fa riferimento alla Dea della vittoria, chiamata appunto, Nike.

Nonostante le origini greche del nome, il nome “Nike” si pronuncia “Naiki” perchè in inglese la lettera “i” si pronuncia “ai” e la lettera “e” si pronuncia “i”.

Lo “swoosh” rappresenta il fruscio e probabilmente fa riferimento al fruscio della velocità che fa qualcuno che corre molto veloce, con le scarpe giuste.

Carolyn ha impiegato poco più di 18 ore per disegnare uno dei logo più famosi al mondo, perfetto esempio di quando l’idea e l’intuizione, con un solido concetto di fondo dal punto di vista di comunicazione visiva, si fondono in un risultato straordinario.

Questo articolo ti è piaciuto? Non perderti le pubblicazioni successive, iscriviti alla newsletter!