ABCFormazione Corsi di grafica e web a Roma

Il blog di ABCFormazione

Da dove viene il simbolo della pace

Da dove viene il simbolo della pace

Mentre i 20 Paesi più influenti del mondo stanno decidendo se cominciare una nuova guerra,
noi parliamo di pace. Del suo simbolo per l’esattezza.

Il famoso simbolo della pace, che ai tempi di scuola tutti noi abbiamo disegnato almeno una volta sul diario, viene creato nel 1958 dal designer inglese Gerald Holtom  per una Campagna a favore del disarmo nucleare per diventare subito dopo, nel corso degli anni sessanta, il simbolo dell’antimilitarismo.

Holtom creò il simbolo partendo dalla sovrapposizione delle lettere N e D  (Nuclear Disarmament) dell’alfabeto semaforico utilizzato anche nel codice nautico delle segnalazioni con le bandiere a mano, anche se, in una lettera scritta scritta anni dopo a Hugh Brock, redattore di Peace News, spiegò l’origine dell’idea attribuendole un significato più intimo e personale.

Ero in uno stato di disperazione. Profonda disperazione. Ho disegnato me stesso:la rappresentazione di un individuo disperato, con le palme delle mani allargate all’infuori e verso il basso, alla maniera del contadino di Goya davanti al plotone d’esecuzione. Ho dato al disegno la forma di una linea e ci ho fatto un cerchio intorno. “

Il simbolo della pace, per la sua estrema semplicità, è stato riprodotto in infiniti modi, e gran parte del successo è sicuramente dovuto anche alle numerose interpretazioni false che di esso sono state fatte. La più diffusa vedeva nel simbolo una rappresentazione estremamente stilizzata di un rapporto sessuale, un’altra interpretazione è quella che vuole vedere nel simbolo la rappresentazione stilizzata di un B-52, Un’altra fantasiosa spiegazione è che essa rappresenta la croce del cristo con le braccia abbassate in segno di disperazione. Infatti il simbolo è anche la Runa della Morte nell’alfabeto runico Futhark.

Questo articolo ti è piaciuto? Non perderti le pubblicazioni successive, iscriviti alla newsletter!